vai al contenuto della pagina vai al menu di navigazione
 

Verso le Digital Humanities. Archivi online, filtraggi e digitalizzazione del sapere

06/04/2016 dalle 15:00 alle 19:00

Dove Sala rossa, Scuola Superiore di Studi umanistici, via Marsala 26

Aggiungi l'evento al calendario

 

Verso le Digital Humanities. Archivi online, filtraggi e digitalizzazione del sapere

 

Mercoledì 6 Aprile 2016, h. 15.00


Seminario “Un lessico per le scienze umane”: Archivio

 

Presiede: Francesca Tomasi (Università di Bologna)

Claudio Paolucci (Università di Bologna), Archivio, patrimonio e memoria: la terzomondizzazione del sapere nell’epoca della digitalizzazione

Ripartiremo da alcune idee dell’Archeologia del sapere di Michel Foucault: l’avvento degli archivi digitali pare invalidare oggi la “legge di rarità” degli enunciati foucaultiana e richiedere un ripensamento radicale del rapporto tra archivio, patrimonio e memoria. Lo faremo attraverso le nozioni di “Enciclopedia” di Umberto Eco e di “Semiosfera” di Jurij M. Lotman. Ci occuperemo infine del modo in cui i sistemi digitali e i motori di ricerca filtrano e gerarchizzano l’informazione presente nei vari archivi, mostrando come essi operino una vera e propria terzomondizzazione del sapere (sperequazione culturale).


Matteo Treleani (Université de Lille), La domesticazione del passato. Gli archivi on line in questione


La digitalizzazione degli archivi permette di fruire istantaneamente e a distanza di una pletora di documenti altrimenti inaccessibili. La disponibilità in rete è d’altra parte il fine di molte politiche istituzionali in materia di valorizzazione del patrimonio. Ricontestualizzati, i documenti d’archivio subiscono tuttavia un processo semiotico che merita di essere indagato. Vedremo come alcuni presupposti epistemologici della rivoluzione digitale partecipino a una più generale forma di domesticazione del passato. Attraverso un processo che oggettiva e quantifica il patrimonio, si contribuisce a una tendenza volta ad amministrare una memoria collettiva sempre più industrializzata. L'attuale modo di pensare e concepire il passato sembra allora influenzato da una concezione che possiamo definire ideologica della tecnica.

Documenti